Festival delle Invasioni

Festival delle Invasioni

Cosenza, una città al centro della musica e del contemporaneo”.

STORIA

Da qui nasce l’idea di una festa dalla traccia riconoscibile di legame con la città, la sua storia e il suo sviluppo: sin dalla sua nascita, avvenuta nel 1998, il “Festival delle Invasioni” si caratterizza per il filo conduttore delle culture diverse che si incontrano, si confrontano, si compenetrano. Una iniziativa particolare e ricca la Festa delle Invasioni, la cui parte spettacolare ha sempre avuto, non solo nei concerti ma anche nei convegni e negli incontri di approfondimento del tema scelto di anno in anno, la sua ragione.

Il Festival delle Invasioni è un festival urbano che si svolge a Cosenza, nel mese di luglio, tra i più interessanti nel panorama nazionale. Una Festa ma soprattutto un’occasione di vivere diversamente i luoghi identitari della città, in particolare quelli della città antica dove le principali piazze, i giardini storici, i beni culturali diventano teatro di diversi linguaggi artistici: musica, parola, arti visive, nel segno delle contaminazioni.

Nelle passate edizioni ha ospitato artisti internazionali come la Fura dels Baus, Lou Reed, Patty Smith, Caparezza, Susan Vega, Goran Bregovic, Tuxedomoon, Emir Kusturica, fino alla edizione 2017 che ha visto esibirsi nella sezione artisti internazionali Bombino, Michael Nyman, Aeham Amad, gli  Incognito e tanti altri.

Il Festival rientra tra i 10 migliori eventi storicizzati a carattere internazionale della Regione Calabria, anche per la sua vocazione di appuntamento di turismo culturale. Incentrato sulla valorizzazione dei luoghi attraverso l’arte, ha dato vita ad un concept che ha al centro i beni artistici, architettonici e monumentali della città: i Beni Parlati e i Beni Suonati sono il claim di questo prezioso appuntamento. Quest’anno ricorre il suo Ventennale.

La Festa delle Invasioni propone quindi dibattiti, mostre, ma anche spettacoli all’interno dei luoghi della cultura, al fine di facilitare la diffusione della conoscenza e diffonderne l’immagine, rendendo monumenti e siti archeologici punti di riferimento vivi e vissuti del sistema culturale.

Invasioni” ha assunto caratteristiche peculiari che lo distinguono nel panorama dei festival nazionali, suscitando l’attenzione della critica e attirando flussi sempre più consistenti di visitatori, turisti e operatori culturali che hanno avuto la possibilità, nel corso degli anni, di scambiare esperienze, competenze e condividere progettualità.

Il Festival oggi si caratterizza soprattutto come offerta di musica contemporanea.

Quest’anno, insieme agli altri festival della musica attuale, è partner del Concertone del 1 maggio.

 

GALLERIA

“Stagioni d’Estate” Edizione 2018

“Confluenze” Edizione 2017